Il grano è una delle più antiche piante coltivate nella storia dell’umanità. L’olio di germe di grano si ottiene dalla spremitura dei semi germinati del Triticum vulgare.

L’olio di germe di grano è inoltre ricchissimo di acidi grassi essenziali, anch’essi alleati preziosi della nostra salute, purché l’alimento venga consumato crudo (sconsigliato il suo impiego per fritti e soffritti). Se assunto sotto forma di integratore, l’olio di germe di grano va preso al termine del pasto (i grassi presenti negli alimenti favoriscono l’assorbimento della vitamina E), seguendo le indicazioni del produttore. Consumato regolarmente, sostituendo una parte dei cibi raffinati con cereali integrali o ricorrendo ad integratori specifici, il germe di grano permette di colmare le numerose carenze della dieta occidentale, ipercalorica da un lato ma povera dei princìpi nutritivi essenziali per il nostro benessere dall’altro.

L’olio di germe di grano è spesso mescolato con altri oli, ed è usato come base di molte creme per pelli mature grazie all’elevato contenuto di tocoferoli (vitamina E) il che lo rende anche un ottimo antiossidante. Si possono osservare anche azioni di tipo lenitivo, antinfiammatorio e protettivo dello strato dell’epidermide, che permettono all’olio di germe di grano di sposarsi bene con altri prodotti con caratteristiche riepitelizzanti.

Nei sui molteplici impieghi lo si può utilizzare anche in molte preparazioni di prodotti per capelli poiché li rende morbidi e lucidi già dopo le prime applicazioni.